imagealt

Addio alla nostra Preside

Lutto nel mondo della scuola, è morta Cristina Cascio: la preside che ha dato voce alla periferia catanese.

preside

Sono tante le parole di stima ed è forte la commozione in tutta la comunità scolastica catanese per la morte di Cristina Cascio, dirigente dell’onmicomprensivo Musco e reggente all’I.C. Livio Tempesta di Catania.

Se c’è un aggettivo che senza dubbio la descrive è determinata. Una donna all’avanguardia e soprattutto appassionata del lavoro che svolgeva sempre con dedizione e senza mai risparmiarsi. Il mondo della scuola oggi si stringe attorno al dolore della famiglia, degli alunni e dei colleghi. Da vent’anni lavorava all’Istituto di viale Giovanni da Verrazzano, a Librino, e con tenacia e passione aveva portato avanti tanti progetti.

I funerali si svolgeranno martedì 24 gennaio alle ore 16,00 in Basilica Cattedrale a Catania.

preside_02

Articolo "Lutto nel mondo della scuola" (Newsicilia 23/01/2023)

Articolo "L'ultimo saluto a una grande Preside" (Newsicilia 24/01/2023)

-------------

Ecco i pensieri e le parole pubblicati sul web in queste ore...

"Ho avuto il privilegio di trascorrere 17 anni sotto la guida della Dirigente Dott.ssa Cristina Cascio. Un faro per me anche nei periodi di marosi e di tempesta.Non ha mai messo un limite al donarsi alla SUA SCUOLA, alla SUA COMUNITÀ SCOLASTICA. 

Una perdita inconsolabile. Una donna insostituibile. Sono attonita, incredula e incapace di trovare le parole... Il dolore chiede e impone silenzio, perché il mistero della finitudine ci apre lo sguardo su scenari che non sappiamo descrivere, comprendere e razionalizzare". (Joanna Moschella)

-------------
"Ho appreso con profondo dispiacere che la Dirigente scolastica Cristina Cascio ci ha lasciati. E' ancora vivo in me il ricordo dell'incontro presso il vs Istituto in occasione di Didacta Sicilia, nello scorso ottobre, durante il quale ho avuto modo di apprezzare le sue grandi dote umane e professionali Porgo, pertanto, alla famiglia della dott.ssa Cascio e atutta la comunità scolastica dell'Istituto "Musco", a nome mio e dell'ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, le mie più sentite conodoglianze. Desidero, altresì manifestare alle studentesse e agli studenti il mio impegno a che sia assicurata a breve alla loro scuola  unaguida sicura per il prosieguo dell'anno scolastico. (Giuseppe Pierro - DG USR Sicilia)
-------------

"Oggi si è fermato un pezzo del cuore pulsante del quartiere Librino: preside Cristina Cascio, donna combattente e partigiana, pioniera di un modello di scuola di eccellenza che è stato impulso e lievito per abbattere, con l'impegno concreto, ogni forma di pregiudizio e rassegnazione". (Massimiliano Nicosia)

-------------

"Oggi è un giorno triste! Mentre la politica cieca sgomita per una poltrona, sfruttando Librino con ricette magiche e assurde, oggi è andata via una persona speciale, Cristina Cascio, dirigente della Musco, che con il suo lavoro e la sua determinazione ha dato lezione a tutti dimostrando con i fatti quello che serve alle periferie. Abbiamo combattuto insieme contro i luoghi comuni e contro chi cerca di sfruttare mediaticamente il nostro quartiere. "Non abbiamo bisogno di beneficenza" dicevi; e tutti noi faremo di tutto affinché il lavoro cominciato 20 anni fa continui. Sarai come sei sempre stata, accanto a me. Buon viaggio Cristina". (Sara Fagone)

-------------

"La preside Cristina Cascio ci ha lasciati stamattina. Una donna forte che amava la scuola della legalita' e che non ha mai voluto abbandonare il quartiere di Librino, creando di fatto un saldo legame tra la scuola da lei rappresentata istituzionalmente, ed il territorio circostante. L'Omnicomprensivo Musco e' lo specchio della grandezza di questa donna, che ha combattuto tante battaglie in prima linea, come quella di portare gli Istituti superiori nelle periferie e di rendere disponibile il suo istituto ai ragazzi e alla societa' civile con attivita' aperte fino a tarda sera, al fine di sottrarre i ragazzi stessi alla strada e alla criminalità. Il suo ultimo atto e' stato l'acquisto di un terreno sottratto alla mafia al fine di realizzare un grande auditorium destinato all'utenza tutta ma soprattutto ai suoi ragazzi e per i tre indirizzi artistico, musicale e coreutico dell'istituto. [...]Onorata per averla conosciuta, la portero' sempre nel mio cuore sia per la stima che ha avuto nei miei confronti, sia per aver creduto in tutti noi. Riposi in pace cara Preside". (Maria Intelisano)

-------------

"Se n’è andata in silenzio,certo dopo aver lottato contro una malattia che purtroppo non perdona..portando con se l’affetto di quanti le sono stati accanto e l’hanno amata. Chi ha avuto il piacere di conoscerla e di vederla passare tra i corridoi della sua amata scuola non può rimanere indifferente di fronte a questa perdita. È stata una portatrice sana d‘intelligenza,riponeva fiducia nei suoi ragazzi, li sapeva ascoltare e gioiva nel vederli sbocciare. La preside Cristina Cascio ha preso posizione,scelto,combattuto nella scuola che ha portato avanti per anni! È stata determinata e non si è mai sottratta agli inevitabili scontri. Ha amato le scuole,la sua in particolare con tutte le sue imperfezioni e le sue potenzialità. Tutti coloro che l’hanno incrociata,dagli alunni ai docenti al personale amministrativo hanno imparato qualcosa da lei! Qualcuno ha avuto un privilegio di seguirla da più vicino e ora capisce quanto grande sia il lascito di esperienza che ci rimane. Dunque, grazie per quanto ha dato e lasciato a tutti noi. Il suo viaggio continua in un altro mondo,che noi non conosciamo…il suo ricordo invece non ci lascerà mai!" (Federica Baglio)

-------------

"Ci ha lasciati la preside Cristina Cascio, da venti anni al timone dell’Istituto "A.Musco". Una scuola di eccellenza distribuita tra Librino, Zia Lisa e San Giorgio, un fiore all’occhiello per la città di Catania. Una donna fortissima, sempre coerente, con la quale ho avuto il privilegio di lavorare, fianco a fianco, per il contrasto alla dispersione scolastica, premessa della devianza. Grazie Cristina per quello che hai fatto e che hai lasciato e grazie per l’amore che hai sempre profuso per il mondo della scuola e del Sociale. Le mie piu’ sincere condoglianze a Vincenzo, alla famiglia e ai tantissimi che l’hanno amata e stimata. RIP." (Barbara Mirabella)

-------------

"L’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici piange l’immatura scomparsa della dirigente Cristina Cascio, già Presidente della Sezione ANDIS di Catania (per due mandati) e componente del Consiglio Nazionale dell’ANDIS. Da molti anni dirigeva la Scuola Secondaria di I grado "Angelo Musco" (diventata poi Istituto Onnicomprensivo) nel quartiere “Librino” di Catania, una realtà oggettivamente difficile nella quale aveva scelto caparbiamente di rimanere, anche negli ultimi anni in cui aveva dovuto far fronte al durissimo male che l’aveva colpita. Stimata e benvoluta da alunni, docenti, famiglie, colleghi e amministratori locali, Cristina era riuscita a dare un importante contributo alla rinascita culturale del quartiere di Librino, investendo molto su progetti e attività pomeridiane finalizzati al contrasto alla delinquenza minorile e alla dispersione scolastica. La ricordiamo per la competenza, la sicurezza, la serietà, la determinazione, la profonda passione che metteva nel suo agire professionale. I colleghi dell’A.N.DI.S. esprimono ai familiari e alla comunità scolastica dell’Istituto onnicomprensivo “A.Musco” i più sinceri sentimenti di vivo cordoglio e di affettuosa vicinanza.Riposi in pace." (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici)

-------------
"Sono profondamente rattristato. Se n’è andata silenziosamente una vera, grande, protagonista della vita catanese, Cristina Cascio.
Da anni preside della scuola media Angelo Musco di Librino.Poi diventata Istituto onnicomprensivo, grazie al suo impegno, a quello dell'assessore Valentina Scialfa e alla mia determinazione.
Una dirigente scolastica straordinaria. Non volle mai lasciare Librino, anche quando poteva trasferirsi in una scuola più "comoda".
Da tempo combatteva contro un male durissimo. Ma aveva continuato ad andare a scuola, sino a poche settimane fa. Grazie, Cristina. Catania ti deve molto. Non ti dimenticheremo". (Enzo Bianco)
-------------
"Abbiamo appena saputo della scomparsa di Cristina Cascio, preside della scuola Angelo Musco, ed è motivo di grande tristezza. Conoscevamo Cristina Cascio da moltissimi anni ed è sempre stata per noi l'incarnazione del preside delle scuole in prima linea in quei territori dove le scuole rappresentano - spesso da sole - le Istituzioni e lo Stato. Sempre piena d'idee, di coraggio, di ostinazione, sempre dalla parte giusta, la ricordiamo per la battaglia per portare gli istituti superiori nel quartiere (battaglia vinta, non senza fatica), per la disponibilità ad aprire la scuola alla società civile e per la sua immensa ironia. La ricordiamo ancora poche settimane fa partecipare alla riunione del Comitato Librino Attivo di cui era stata una delle animatrici, da sempre. La sua scomparsa rende tutti più soli, la città ed il quartiere più poveri. Ci stringiamo in un abbraccio affettuoso alla sua famiglia ed ai suoi cari. Buon viaggio, Cristina." (Rugby I Briganti ASD onlus-Librino)
-------------
"È stata, anche, la mia Preside: al liceo Spedalieri. E anche lì, seppur in un lasso di tempo molto breve, ha lasciato una grande - e buona - impronta, invertendo una rotta che ci vedeva in crisi di iscrizioni e contribuendo fortemente al rilancio del più antico liceo catanese. Una grande donna, una vera educatrice, insegnante da giovane e dirigente scolastica a lungo, poi, con importanti risultati per la comunità cittadina. La stimavo e le volevo bene. Oggi la piango, ma il suo esempio resterà..." (Fabio Gaudioso)
-------------
"La preside Cristina Cascio, donna di grande intelligenza civile ed emotiva, e di grande cultura, ci ha lasciati. La Cgil e la FLC Cgil di Catania esprimono cordoglio e commozione, nonché vicinanza alla famiglia, e non dimenticheranno mai l’operato incessante di una donna che ha sempre amato la scuola, il quartiere di Librino, ma anche l’idea di una società di uguali e di una scuola della legalità e della rinascita democratica.
Grazie Cristina per tutte le volte che ci hai affiancato, stimolato, sostenuto". (CGIL Catania)
-------------
"Una perdita incolmabile, una roccia, una donna carismatica e determinata che si è spesa per il suo istituto con passione indomabile riuscendo a creare ciò che prima non c'era, rendendo reale un sogno, lottando fino alla fine. Cara Preside, tu vivi, come faro presente nelle vite di tutti coloro i quali hanno avuto il privilegio di lavorare nella tua scuola, nei cuori dei tuoi ragazzi che ti ameranno per sempre, nel ricordo colmo di stima di chi ti ha conosciuto" (Mara Di Maura)